• 14 Novembre 2019

Quiet Ensemble Primitive Primavere

 Quiet Ensemble Primitive Primavere

bsh

Giovedì 7 novembre Romaeuropa Festival presenta in anteprima l’ultimo lavoro di Quiet Ensemble, Primitive Primavere, la seconda installazione site specific nella Sala Santa Rita ad ingresso gratuito.

Primitive Primavere è un’ode alla fragilità, a ciò che è estinto, a quel che nasce e si illumina irradiando il resto, anche solo per un’era, una decade, o per un solo secondo.

Un’orchestra di microscopiche stelle fluttua nello spazio, brillanti lumi, antichi animali luminescenti, volanti spiriti incandescenti abitano la stanza. Gli artisti trasformano la Sala Santa Rita in una valle in cui danzano miriadi di lucciole tra riflessi e ombre, moltiplicandosi e scomparendo, in una eclissi frammentata e stroboscopica.

16.320 luci al led definiscono l’ambiente della Sala Santa Rita, si muovono, si illuminano e si spengono. Il loro movimento è amplificato dal suono, una quadrifonia che fa immergere lo spettatore in un’atmosfera surreale e fantastica, uno spazio effimero, in continua mutazione in cui la luce è protagonista. 

Fino al 3 novembre in mostra l’artista ungherese Gyula Várnai con l’installazione site specific One of the Few Moments II realizzata con il contributo dell’Istituto BalassiAccademia di Ungheria in Roma e con il patrocinio dell’Ambasciata di Ungheria.  

Tutti i progetti sono realizzati con il sostegno di Roma Capitale e in collaborazione con la Sala Santa Rita.

Entrambe le esposizioni proseguono idealmente l’esperienza di Digitalive – sezione del Romaeuropa festival dedicata alle arti digitali, attraverso l’utilizzo del light design e dell’innovazione tecnologica nei lavori installati.

Fino al 9 febbraio al Palazzo Merulana sarà in mostra la personale dedicata a Jan Fabre e relizzata da Fondazione Elena e Claudio Cerasi e CoopCulture in collaborazione con Magazzino e con il sostegno, per Romaeuropa, di Flanders State Of The Arts. 

QUIET ENSEMBLE – Duo fondato nel 2009 da Fabio di Salvo e Bernardo Vercelli. La ricerca dei Quiet ensemble è costruita sull’osservazione dell’equilibrio tra caos e controllo, natura e tecnologia, e ha lo scopo di creare opere che uniscano l’organico e l’artificiale in nuovi elementi. Questa sintesi si realizza spostando l’attenzione su aspetti minori ma meravigliosi, come il movimento di una mosca o il suono prodotto dagli alberi. Quiet ensemble hanno preso parte a molti festival tra cui Sonar Barcellona, Node Festival, Modena; Drodesera, Centrale Fies, Dro; Short Theatre, Roma; Dancity Festival, Foligno; Nuit Blanche Bruxelles (BE); Re_New Festival Pb43, Copenaghen (DK); Robot Festival, Bologna, Biennale Panoramas Le Parc Des Coteaux, Bordeaux (FR), Novasfrequencias Festival, Rio De Janeiro (BR), Romaeuropa Festival, Roma; Transart Festival, Bolzano; Eufonic Festival Madrid – (ES), Recto Verso – Mois Multi Festival, Quèbec City (CAN), Club To Club Festival, Torino, Ortigia Sound System, Ortigia.

GYULA VÁRNAI – Nato nel 1956 a Kazincbarcika (Ungheria) Gyula Várnai è un artista visivo, associato a un gruppo di artisti neoconcettuali ungheresi, diventato famoso negli anni ’90. Conosciuto nel mondo per le sue installazioni su grande scala o site specific, Gyula si forma in matematica e fisica. Un background che influisce profondamente sulla sua pratica. Le opere dell’artista infatti si muovono al limite tra universo artistico e quotidianità e utilizzano materiali comuni per creare abbinamenti sorprendenti. Le sue opere sono state esposte in tutta Europa e negli Stati Uniti. Recenti mostre personali e collettive si sono tenute a Budapest, Parigi, Istanbul e Colonia. Gyula Várnai vive e lavora a Dunaújváros, in Ungheria.

INFO E ORARI

Artista: Gyula Várnai

Titolo mostra: One of the Few Moments II

Dove: Sala Santa Rita, via Montanara (adiacente Piazza Campitelli)

Orari: dal 7 al 24 novembre – dal mart al ven dalle 16 alle 20, sabato dalle 16 alle 23, domenica dalle 11 alle 19

Ingresso libero

Artista: Quiet Ensemble

Titolo mostra: Primitive Primavere

Dove: Sala Santa Rita, via Montanara (adiacente Piazza Campitelli)

Orari: dal 7 al 24 novembre – dal mart al ven dalle 16 alle 20, sabato dalle 16 alle 23, domenica dalle 11 alle 19

Ingresso libero

INFO STAMPA: 06 45553014

Massimo Pasquini: m.pasquini@romaeuropa.net 

Matteo Antonaci: m.antonaci@romaeuropa.net

Giulia Di Giovanni: gdgpress@gmail.com

Exhibit e Digitalive

Chiara Ciucci Giuliani: chiara.ciuccigiuliani@gmail.com

admin

0 Reviews

Write a Review

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti