Le opere del Rinascimento raccontate dal vivo da Mimmo Centonze. A Matera.

Dopo l’entusiasmo raccolto ogni anno, “Mimmo Centonze racconta un’opera”,la lezione gratuita del corso di disegno “A Bottega” offerta al pubblico dal Maestro, ritorna dal vivo a Matera, domenica 9 giugno 2019 alle ore 18:30 a Palazzo Lanfranchi, all’interno della mostra “Rinascimento visto dal Sud”.

“Abbiamo la straordinaria opportunità di lasciarci sedurre dal vivo – afferma Centonze – da alcuni dei maggiori capolavori del Rinascimento giunti a Matera dai più grandi musei di Spagna, Francia, Germania, Portogallo nonché italiani come i Musei Vaticani o il Museo Capodimonte di Napoli. Grandi Maestri con opere immense come l’Annunciata di Antonello, dalla profondissima intensità psicologica, la monumentale Testa di cavallo di Donatello, il disegno preparatorio fatto di possenti tratteggi della Madonna del pesce di Raffaello. E ancora Andrea Mantegna, Jan Van Eyck, l’infinita morbidezza raggiunta nella scultura Madonna degli Angeli da Antonello Gagini. Ritrovarsi di fronte a questi capolavori non può fare altro che ampliare il nostro spirito e farci stare meglio. Tutti dovrebbero vederle, anche i bambini così staccano un po’ dai videogiochi”.

“Mimmo Centonze racconta un’opera” è un format nato per raccontare l’arte dal punto di vista dell’artista, ovvero di colui che la realizza, risultando quindi una narrazione più intima, diretta e soprattutto consapevole di come si arriva a realizzare un’opera d’arte e fa parte di un percorso fortemente voluto da Mimmo Centonze per avvicinare le persone all’arte, sia a quella del passato, come i recenti approfondimenti e spettacoli su Caravaggio ai quali hanno assistito più di 2.000 spettatori in varie città d’Italia, sia all’arte di oggi, troppo spesso incomprensibile e freddamente lontana dalla mente e dal cuore dell’osservatore.

Domenica 9 giugno 2019 ore 18:30
Palazzo Lanfranchi – Mostra “Rinascimento visto dal Sud” 
Piazzetta Pascoli | Matera
Ingresso con “Passaporto Matera 2019”

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *